ASSOCIAZIONE "AMICI DI PITINO"

- DETTI POPOLARI -

 

06-05-06

Home

Cenni Storici

Chi Siamo

Dove Siamo

Attività

Manifestazioni

Download

Photo

Link

Turismo

Commenti

 Pag. 5 di 6

Per chi avesse voluto affermare che Pitino non era un paese un curioso dispetto rispondeva contava ben centoventi abitazioni, aggiungendo però con acredine l’invocazione a che ne cadessero quaranta al mese.

 

-        Chi dice che Pitì non è un paese

-        Io di co ch’adè centoventi case,

-        Se ne pozza lamà quaranta a ‘u mese

 

Sembra che il detto si sia avverato infatti dentro il castello esistevano un tempo varie case di cui non restano che grosse cataste di pietra. Anche i torrioni le mura e la chiesa sono cadenti e ridotti in uno stato deplorevole come testimoniano i versi del poeta estemporaneo Primo Mosca.

  

Duviì avecce un po’ de coraggiù

De vinì a Pitì lu primu de maggio,

tra boni e tristi era piinu de turisti,

ma quanno stai lassù dici: che peccatu

a vedè stu castellu tuttu diroccatu!

L’autorità ancora non s’è ‘ccorti

Ch’ha portatu via pure l’ossi del i mòrti,

ma se ridissi che macèllo:

dentro la Chiesa cià fattu la farge e martello.

L’italiani che terore,

non sa più che la bandiera è quella tricolore.

Quanno stai  a Pitì vidi lu mare, vidi le barche,

nuandri ciaimo ‘u castellu più bello de le Marche!

 

<-  Precedente 1 2 3 4 5 6 Seguente ->

Si veda R. Paciaroni, Sanseverino nella letteratura popolare, San Severino M., Comune di San Severino Marche, 1998, pp 35-40
 

Per informazioni potete contattarmi tramite e-mail

Ultimo aggiornamento:  06-05-06